Vai al contenuto
Home » SEO: significato e risultati che puoi aspettarti ottimizzando i tuoi testi

SEO: significato e risultati che puoi aspettarti ottimizzando i tuoi testi

seo significato

Qual è il significato di SEO, cosa vuol dire lavorare in ottica SEO e ottenere risultati a medio-lungo termine

Volevi aprire il tuo business online o digitalizzare la tua attività, così ti sei informato e hai aperto il tuo sito web o il tuo e-commerce.

Adesso vorresti portare le persone a visitarlo, a scoprire ciò che offri e ad acquistare, giusto?

Quindi stai cercando di orientarti nella giungla del digital marketing ma ti senti tirato in ogni direzione.

Social Media Specialist: “I Social Network sono l’unico canale per convertire a costi bassi”.
SEM Specialist: “Non troverai clienti se non farai advertising sui motori di ricerca”.
Community Manager: “Senza una fan base affiatata non puoi andare da nessuna parte”.
Seo Specialist: “In 3 mesi avrai le tue pagine in prima posizione sulla Serp, per 20 keyword”.
E chi più ne ha più ne metta.

Nessuno di loro ha ragione, ma allo stesso tempo nessuno ha completamente torto!

Semplicemente, per ottenere dei risultati concreti e soddisfacenti, non ci si può concentrare soltanto su un canale. Per sfruttare al meglio ogni occasione è consigliabile mixare diverse fonti di traffico, ma spesso coprirli tutti potrebbe voler dire stanziare un budget piuttosto importante, soprattutto per un business appena avviato.

Ecco perché, in questo approfondimento, vorremmo spiegarti meglio il significato della parola SEO e quali obiettivi può aiutarti a raggiungere con la tua attività. Così che tu possa valutare meglio quando e quanto dedicarvi, in termini di tempo e budget.

Indice dei contenuti

Per capire che cos’è la SEO, è necessario partire dal significato del suo acronimo: Search Engine Optimization o ottimizzazione per i motori di ricerca.

In parole povere, significa che, applicando le tecniche SEO ai tuoi testi, puoi migliorare il modo in cui i motori di ricerca vedono e giudicano il tuo sito web.

A questo punto, forse, ti starai chiedendo: “Ma come funzionano i motori di ricerca? Come fanno a vedere e giudicare il mio sito?”

Di questo ne parliamo ampiamente in questo approfondimento, interamente dedicato all’argomento: Come funziona un motore di ricerca? Comprendere la SEO.

Per il momento, ti basterà sapere che ogni motore di ricerca (Google, Bing, Baidu, DuckDuckGo, Yandex, etc.) funziona, più o meno, allo stesso modo. Ognuno esegue una scansione di tutte le pagine presenti sul web, cercando di comprenderne il contenuto e attribuendogli un punteggio.

In base al punteggio che ogni pagina riceve, il motore di ricerca mostrerà in ordine decrescente le pagine più pertinenti, in base alla ricerca che l’utente esegue sul web.

Abbiamo cercato di semplificare questo concetto, per farti capire che…

La SEO ruota totalmente intorno a due fulcri principali: il motore di ricerca, e l’utente.

Si potrebbe pensare che, l’unico obiettivo della SEO sia quello di impostare i testi in modo che il motore di ricerca sia in grado di comprenderne il contenuto.

Ma questa è solo una parte del lavoro che fa un SEO Specialist. L’altra parte è, infatti, rivolta verso l’utente.

Questa è, forse, la parte più difficile del lavoro di un SEO Specialist. Capire che cosa cercano gli utenti è l’unica chiave che permetterà al tuo sito web o e-commerce di essere trovato online. A quel punto, potrai lavorare sul copywriting, mettendo in atto tecniche di scrittura persuasiva, per aumentare le conversioni.

Adesso che, ci auguriamo, hai capito che cos’è l’acronimo SEO e il suo significato, vediamo che cosa puoi aspettarti applicando le tecniche di ottimizzazione per i motori di ricerca.

Come abbiamo già detto, l’obiettivo principale della SEO è quello di migliorare il punteggio che ogni motore di ricerca attribuisce alle nostre pagine web. Questo vuol dire che, una pagina valutata in modo non ottimale non sarà mostrata per prima agli utenti, ma verrà sorpassata dalle pagine di altri siti web che trattano l’argomento in modo migliore.

Quindi, l’ordine con cui il motore di ricerca mostra diversi siti web all’utente per una stessa ricerca, determinerà il numero di visitatori di ognuno di questi. Le persone tendono a cliccare soltanto sui primi risultati che Google gli offre.

Tutto ciò si traduce in Traffico sul sito web: cioè visitatori che leggono, si informano, comprendono e si fanno un’opinione su di te. A tal proposito, è indispensabile scegliere un hosting affidabile, che sia performante e con un’assistenza clienti h24 in caso di problemi. Uno dei servizi che ti consigliamo è VHosting, che ha un ottimo rapporto qualità-prezzo.

La prima metrica da tenere in considerazione, ancor prima di iniziare a lavorare sulla SEO è, quindi, il traffico mensile del tuo sito.

Prendi nota della quantità di utenti che arrivano sulle tue pagine ogni mese, con tool come Google Analytics, poi inizia ad applicare le tecniche SEO e monitora l’andamento del traffico.

Se il tuo lavoro è fatto bene, le visite al sito dovrebbero crescere.

Ma in quanto tempo? E quanto rapidamente?

Rispondere a queste domande è davvero difficile e nessun professionista sarà mai in grado di darti una risposta precisa.

Dipende da molti fattori, i più importanti sono:

  • la situazione di partenza (se il tuo sito è già valutato positivamente da Google, anche se hai pochi contenuti, sarai sicuramente avvantaggiato nel posizionamento);
  • il settore di riferimento e i competitor (alcuni settori sono più competitivi, quindi è più difficile scalare la Serp ed essere mostrati in prima pagina);
  • le fluttuazioni della Serp (un fenomeno fisiologico, dovuto alla variazione delle ricerche degli utenti nel tempo ma anche agli aggiornamenti dell’algoritmo dei motori di ricerca);
  • il numero di nuovi contenuti che pubblichi al mese e quanto spesso li aggiorni (mantieni l’algoritmo focalizzato sui tuoi contenuti aggiornandoli più spesso o creandone di nuovi, per mostrargli che sei attento agli interessi degli utenti).

Ciò che puoi fare è valutare nel tempo il posizionamento del tuo sito web (tramite Google Search Console). E prefiggerti un obiettivo realistico, ad almeno un anno di distanza dall’inizio dei lavori sulla SEO.

Questo tipo di attività, infatti, è in grado di portare risultati duraturi, a differenza dell’advertising, ad esempio. 

Pubblicando annunci a pagamento probabilmente riceverai fin da subito un’importante mole di traffico, ma non appena fermerai le tue campagne perderai immediatamente i tuoi visitatori.

La SEO, invece, ha bisogno di tempo per iniziare a portare traffico, ma una volta che sei riuscito a piazzare i tuoi contenuti in una buona posizione, non sarà poi così semplice per i competitor portarti via del traffico.

Naturalmente, per mantenere a lungo i risultati raggiunti, c’è bisogno di manutenzione. Ma avrai tutto da guadagnare da questa attività, se riuscirai ad essere paziente e consapevole che la SEO ti porterà a raggiungere importanti obiettivi a medio-lungo termine.

Generalmente, puoi iniziare a vedere i primi cambiamenti nel posizionamento del tuo sito web dopo 6 mesi dall’inizio dei lavori. Ma per poterne valutare l’efficacia dovrai attendere almeno 1 anno. Tienilo bene a mente quando andrai a stabilire il tuo traguardo.

In quest’ottica, un blog curato, interessante e denso di contenuti, potrebbe dare consistenza alle tue strategie di marketing. Scopri Perché aprire un blog aziendale.

Non sei sicuro che la SEO faccia al caso tuo, ma non vuoi scartare a priori una possibilità di crescita duratura?

Se vuoi fare due chiacchiere e ricevere il nostro consiglio in merito

Saremo felici di confrontarci con te e discutere delle possibilità che offre il tuo settore.