Vai al contenuto
Home » Errore 404: cosa fare? Come gestire e sfruttare questa pagina

Errore 404: cosa fare? Come gestire e sfruttare questa pagina

Errore 404 cosa fare

Hai una pagina che restituisce un errore 404? Ecco come gestirla e come sfruttarla nel copywriting

Gli errori 404 non influenzano il ranking del tuo sito web (scopri che cos’è nell’approfondimento Come funziona un motore di ricerca? Comprendere la SEO), lo ha dichiarato Google stesso. Questo però non vuol dire che non si debba fare il possibile per evitarli.

Se ti stai chiedendo cosa fare in caso di Errore 404, leggi questo approfondimento in cui ti spiegheremo come puoi sfruttarla a livello di marketing con il copywriting.

Indice dei contenuti

L’errore 404 è l’errore più comune che possiamo incontrare navigando online.

Si tratta di un link “rotto” e le cause principali sono queste: 

  • la pagina è stata rimossa;
  • il contenuto è stato spostato e non è stato un redirect dal vecchio URL;
  • l’URL è stato digitato male e la risorsa non è mai esistita;
  • lo slug è stato cambiato.

Ovviamente è importante evitare il più possibile gli errori 404, ma può accadere anche ai migliori di rilevarne qualcuno!

Ecco perché è bene predisporre una pagina di errore che sia curata nei minimi dettagli, anche nel copywriting, così da poter sfruttare questo spazio a fini di marketing.

Step 1 – Errore 404: cosa fare? Correggere l’errore

Anche a te sarà capitato di imbatterti in una pagina di Errore 404, effettuando una ricerca su internet. Ti ricordi che cosa hai fatto subito dopo?

Di solito, gli utenti tornano indietro e scelgono un altro risultato della Serp. 

I visitatori del tuo sito, di fronte a questo tipo di pagina, faranno lo stesso, scegliendo un tuo competitor!

Quindi, non lasciarla al caso e sfruttala a dovere per non perdere un visitatore.

La prima cosa che devi fare è questa: correggere l’errore 404. Come? Effettuando un redirect verso una risorsa esistente e modificando tutti i link che riportano ad essa.

Ma questa non è la sola cosa da fare! Continua a leggere per scoprire come sfruttare un Errore 404 a tuo favore con il copywriting.

Step 2 – Errore 404: sfrutta questo touch point con il copywriting

Sei davanti ad una pagina del tuo sito web che restituisce un Errore 404. Cosa fare? Niente paura, non è grave.

Dopo aver corretto il problema come descritto nello step 1, l’errore 404 permarrà ancora per qualche tempo prima che Google risolva la questione. 

Qualche utente, quindi, potrebbe ancora incappare nell’errore e, per evitare che esegua un’altra ricerca uscendo dal tuo sito, è bene mostrargli una pagina curata nei minimi dettagli, per sfruttare adeguatamente anche questo touch point.

Cosa intendiamo? Creare una pagina 404 che indirizzi l’utente che ha cercato quel determinato argomento verso la relativa macro categoria. Così che possa facilmente ritrovare il suo search intent iniziale ed evitare che abbandoni il sito.

Questa pagina può diventare un’importante opportunità di ingaggiare l’utente utilizzando alcuni elementi. Ad esempio, puoi inserire:

  • il logo del brand, per aumentare la tua brand awareness e renderti sempre riconoscibile.
  • un modulo di ricerca interno al sito, così che l’utente possa digitare una parola chiave e ritrovare l’argomento a cui è interessato;
  • l’icona della Home per reindirizzarlo alla pagina principale
  • ed infine un breve paragrafo di testo. L’utente capirà che la pagina non è più disponibile ma anche che rimanendo sul sito può comunque trovare quello che stava cercando. 

Ricorda che, essendo comunque un punto di contatto sia con utenti che già conoscono il tuo sito e il tuo brand, sia con chi ancora non ti conosce, è bene utilizzare il tone of voice che ti caratterizza. In questo modo, anche questa pagina sarà coerente con il resto del sito web e il visitatore non si troverà spiazzato.

E tu? Stai sfruttando anche questo touch point per ingaggiare i tuoi utenti?

Se desideri qualche altro consiglio di copywriting da sfruttare online, per il tuo business…